Filtra per >

Ricette con i cavoli

Juls Kitchen

Pubblicato il 04/11/2014

Ci sta come il cavolo a merenda. Questo è uno dei detti che hanno accompagnato la mia infanzia, assieme all’idea che i cavoli fossero una verdura da evitare, perché puzzavano, non avevano un buon sapore e nemmeno una consistenza appetitosa.

 cavoli

Idee che un bambino si fa soprattutto se ogni cavolo che ha incontrato in vita sua - dalle mense scolastiche alla tavola di casa - è stato cotto troppo, troppo a lungo, tanto da diventare acquoso e riempire la casa di un odore che ti fa venire tutto tranne l’acquolina in bocca.

È questa la disgrazia dei cavoli, maledetti da procedimenti di cottura sbagliati che ne stravolgono del tutto il gusto.

Eppure i cavoli, e per estensione tutti gli appartenenti alla famiglia delle Crucifere, contengono una quantità significativa di vitamina C, acido folico, fibra, potassio. È stato anche dimostrato che le crucifere sono dotate di poteri nutritivi ad azione protettive anti-tumorali.

Ma vi stupirò. Non vi dirò di mangiare cavoli perché fanno bene, ma soprattutto perché sono buoni e offrono un’infinita possibilità in cucina. L’importante è non cuocerli troppo, lasciandoli spesso al dente, e abbinarli agli ingredienti giusti.

Il cavolo cotto si sposa con sapori forti e corposi, come la senape, la cipolla, l’aglio, il tartufo. Anche pancetta e acciughe aiutano ad equilibrare il suo gusto, rendendolo meno amaro.

Il cavolfiore può essere consumato crudo, per apprezzare tutte le sue note quasi pungenti, mentre cotto - arrostito, fritto, in un purè - raggiunge la sua pienezza e rivela un sapore muschiato che richiama sapori altrettanto forti come formaggi stagionati, peperoncino, cumino e aglio.

Il cavolo nero è uno dei protagonisti indiscussi della cucina toscana, immancabile nelle bruschette di fine autunno con fagioli cannellini, pane arrostito sfregato con l’aglio e olio nuovo piccante.

I cavoletti di Bruxelles sanno di feste di Natale e si accompagnano a pancetta, castagne e scorza di arancia.

I broccoli, dei quali esistono numerose varietà, richiedono l’accostamento con ingredienti molto salati. Ecco perché nella cucina italiana sono spesso accompagnati da Parmigiano e acciughe, in quella Inglese da formaggio erborinato e in quella orientale da salsa di soia.

 

Dimenticate il cattivo odore di cavolo lesso e la sua consistenza acquosa. Oggi vi racconto due ricette insolite per la nostra cucina, ma piene di gusto e salute.

 cavolo verza gratinato

Cavolo verza gratinato

È un ottimo contorno per la carne alla griglia, ma anche un piatto unico da accompagnare con un po’ di formaggio erborinato o un caprino pungente.

 

Ingredienti per 2 persone

2 cuori di cavolo verza

4 cucchiai di olio extravergine di oliva, più quello per ungere la teglia

1 cucchiaino di tahine (pasta di sesamo)

Succo di ½ limone

2 spicchi di aglio

Sale

Pepe nero

 

Scalda il forno a 200°C. Nel frattempo fodera di carta da forno una teglia e ungila di olio extravergine di oliva. Taglia i cuori di cavolo verza in spicchi piuttosto spessi e disponili sulla teglia.

Frulla l’olio extravergine di oliva con la tahine, il succo di limone e gli spicchi di aglio. Condisci gli spicchi di verza con l’emulsione appena fatta.

Inforna il cavolo per circa 20 minuti, finché non sarà dorato.

Condisci gli spicchi di verza con sale e pepe nero appena macinato e mangiali caldi e croccanti.

 soba noodle verdure gratinate

Soba noodles alle verdure autunnali

I soba noodles sono spaghetti di grano saraceno tipici della cucina giapponese. Solitamente vengono cotti in acqua bollente e poi freddati, conditi con salsa di soia, verdure, pesce o carne saltata. In questa ricetta i broccoli sono accompagnati da altre verdure di stagione come zucca, carote e finocchi e accesi da un tocco di zenzero e aglio dorati in padella.

I soba noodles possono essere sostituiti con pasta di grano duro, riso integrale o basmati.

 

Ingredienti per 2 persone

3 cucchiai di olio extra vergine di oliva

1 spicchio di aglio tritato finemente

2 cm di radice di zenzero fresco

150 g di zucca noce di burro

1 carota media

1 finocchio

1 palla di broccoli

150 g di soba noodles

 

Sbollenta i broccoli in acqua bollente salata per 3 minuti, poi scolali e passali sotto l’acqua fredda in modo che mantengano un bel colore verde acceso.

Affetta finemente zucca, carota e finocchi e mettili da parte.

Gratta lo zenzero fresco con una grattugia e scaldalo in una padella ampia con l’olio di oliva e l’aglio tritato. Quando aglio e zenzero cominciano a dorarsi aggiungi le verdure e falle cuocere per una decina di minuti. Alla fine aggiungi anche i broccoli e saltali per insaporirli.

Cuoci i soba noodles in acqua bollente salata secondo le indicazioni di cottura della confezione, scolali e versali in padella. Condisci la pasta con un po’ di salsa di soia e salta spaghetti e verdure per qualche minuto, per insaporirli. Servi immediatamente.

Giulia Scarpaleggia - Juls
Giulia Scarpaleggia - Juls' Kitchen

A febbraio 2009 ho aperto il mio blog per dare voce a questa passione e ho imparato a raccontarla con parole e fotografie.

A gennaio 2012 ho trasformato la mia passione in un lavoro: adesso sono una freelance food writer, collaboro con riviste e aziende per lo sviluppo di ricette, faccio corsi di cucina toscana per stranieri ed italiani. Sto attualmente lavorando al mio terzo libro di cucina. In altre parole cucino ogni giorno, fotografo quando la luce me lo permette, scrivo anche troppo e mangio con piacere. Mi diverto e godo di ogni singolo istante, rendendomi conto di quanto sia fortunata!

FB: https://www.facebook.com/JulsKitchen
Pinterest: julskitchen
Twitter: twitter.com/julskitchen
Instagram: JulsKitchen

Ti piace questa ricetta?
CURIOSITA'
CAVOLO VERZA

È un ottimo contorno per la carne alla griglia e un ottimo piatto unico accompagnato da formaggio

SOBA NOODLES

Sono spaghetti di grano saraceno tipici giapponesi, solitamente conditi con salsa di soia e verdure